Commenti personali


“la vraie vie est absente. nous ne sommes pas au monde.
Une saison en enfer (1873), Délires I

Si apprende che Lehman Brothers è stata costretta a dichiarare bancarotta, schiacciata da 613 miliardi di dollari di debiti segnando così l’ennesimo punto di avanzamento del capitalismo democratico.

Il premier Silvio Berlusconi esclude che l’Italia possa essere travolta dalla crisi finanziaria che sta sconvolgendo gli Stati Uniti.

Del resto sul sito della Lehman Brothers si descrivevano così:

About Us

Lehman Brothers, an innovator in global finance, serves the financial needs of corporations, governments and municipalities, institutional clients, and high net worth individuals worldwide. Founded in 1850, Lehman Brothers maintains leadership positions in equity and fixed income sales, trading and research, investment banking, private investment management, asset management and private equity. The Firm is headquartered in New York, with regional headquarters in London and Tokyo, and operates in a network of offices around the world.

Ne siamo compiaciuti.

Il ciarlatano e venditore di antidoti

Il ciarlatano e venditore di antidoti

C’è da credere ad un tizio che per vincere le elezioni politiche statunitensi imbarca sul proprio carrozzone, (change we can believe in, ma de bòn), uno U.S. SENATOR da ininterrotti anni trentacinque, un congressman a cognome Kennedy, il meno riuscito, se vogliamo, dei Kennedy, l’ultimo Kennedy, quello che è appena dal millenovecentosessantadue che fa capolino al Congresso. Ma non basta: il telegenico incassa anche il supporto della signora Rodham, già moglie di chi che è stato Presidente degli Stati Uniti dal 1992 al 2000, e può sfruttare a proprio favore un presupposto complotto ordito da tre deficienti per accopparlo. Insomma è vero cambiamento, un CAMBIAMENTO IN CUI NOI POSSIAMO CREDERE così fortemente da affermare, con il solito leggero anticipo, che il prossimo Presidente degli Stati Uniti sarà l’altro, quello che meno si intende di parole e di marketing: John Sidney McCain III.

Visto e sentito in tv il più telegenico degli usurai statunitensi. Già, gli USA quando devono mettere in pratica la democrazia bancaria che hanno imposto a quasi tutto il mondo  rispolverano gabbie di ferro e tribunali speciali. Manco a  Berchtesgaden-Königsee.

Può esultare il REGIME MONDIALISTA DEMOCRATICO DELLE BANCHE alla notizia dei trasferimenti del gip dell’inchiesta sulle scalate bancarie Clementina Forleo (trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale) e dell’ex leader serbo- bosniaco Radovan Karadzic in una galera belgradese.

Ma è grande l’orrore che suscita la giustizia somministrata dal vincitore al vinto, soprattutto quando si ammanta di pretese di legittimità, imparzialità ed oggettività che sono totalmente assenti nella prassi delle aule di giustizia competenti. Al confronto pare accettabile il brutale omicidio del Guevara da parte dell’esercito boliviano, quello sì, atto di guerra senza infingimenti morali.

In particolare si sottolinea qui la posizione dell’ex leader serbo-bosniaco Radovan Karadzic accusato di essere, tra l’altro, responsabile politico dei

a) SESSANTAMILA STUPRI di cui furono vittime donne, adolescenti e bambine, nei dintorni di Roma nella primavera del 1944;

b) BOMBARDAMENTI di Amburgo (28 luglio 1943) e di Dresda (13-15 febbraio 1945) che hanno causato rispettivamente 50.000 e 35.000 MORTI;

c) CAMPI DI STERMINIO in cui perirono di fame, sete e malattie tra il 1945 e il 1946 almeno ottocentomila soldati tedeschi, italiani e di altre nazioni.

Ben venga allora la costituzione del PARTITO NAZIONALE e SOCIALISTA, unico argine di libertà alla marea montante della tirannia democratica mondialista del governo delle banche.

I’m friends with the President, I’m friends with the Pope

we’re all making a fortune selling Daddy’s dope

A volte si avverte l’urgenza, non dico di constatare l’intervento di un Dio, ma almeno di presagirne l’esistenza.

La canzone qui sotto si avvicina a soddisfare tale esigenza.

Pagina successiva »