Pare che Il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, commentando lo scontro in atto tra magistratura e politica, abbia dichiarato che ci sarebbe un modo per affrontare la questione: “tornare al rispetto delle regole”. Quanto alla manifestazione organizzata sabato dalla sinistra “radicale” la riterrebbe “una pagina di straordinaria partecipazione democratica”.

Giova qui ricordare all’onorevole Presidente della Camera dei Deputati che, per quanto attiene al vergognoso episodio “De Magistris-Mastella“, il problema è ESATTAMENTE dato dal fatto che le regole vigenti sono state PIENAMENTE rispettate… mentre se davvero siamo disposti a prendere lezioni di democrazia da un UOMO POLITICO, facciamo allora anche lo sforzo di darne: straordinaria partecipazione democratica non è lo scalpiccio di due milioni di scarpe per le strade di Roma, bensì consentire ai cittadini di fare politica, magari liberando il paese dai vincoli che gli impone un sistema politico che esprime per lo più un apparato di potere. La partecipazione democratica non si esprime pontificando da uno dei più alti scranni istituzionali bensì agendo in Parlamento per riformare ordini, leggi e regolamenti che sottraggono i parlamentari ai meccanismi ed ai principi dello stato di diritto. Ciò a dire: rendere l’uomo politico un cittadino AL DI SOTTO della legge… e quanto sarebbe bello poter leggere commenti così sereni sfogliando un qualsiasi quotidiano nazionale o ascoltando un telegiornale.

http://www.beppegrillo.it/2007/10/tutti_insieme_a.html

Annunci