vat-ufo.jpg

Parata di legislatori ieri a Roma.

A Roma la manifestazione anti-Prodi, contro il fisco e per le città sicure
Al Colosseo anche saluti romani ed esibizione di simboli fascisti
Il premier: “Corteo di insulti, una volta finiti sono tornati a casa”

ROMA – “Siamo noi il popolo della libertà”, “torneremo presto al governo”, “siamo noi l’alternativa alla casta”: sono questi, alcuni degli slogan lanciati da Gianfranco Fini nel suo intervento di chiusura alla manifestazione di Alleanza Nazionale contro le tasse e per la sicurezza. Un triplo corteo – giunto poi al Colosseo, per il comizio finale – a cui hanno partecipato, secondo gli organizzatori, mezzo milione di persone. E non sono mancati, tra i presenti, i saluti romani, e le esibizioni di simboli fascisti: croci celtiche, tricolore con l’immagine di Mussolini, e altro.

“E’ una bella festa di popolo – ha commentato, dal palco, il leader di An – c’è davvero tanta voglia di esprimere dissenso nei confronti di un governo che non garantisce la sicurezza, la legalità e fa pagare le tasse troppo alte soprattutto rispetto ai servizi che offre ai cittadini”. Insomma, “un corale atto d’amore di un popolo che a pieno titolo possiamo chiamare ‘il popolo delle libertà'”.

Annunci