settembre 2007


miracolo.jpg

Dunque regolarsi: viviamo in un paese che sotto l’aspetto economico è tranquillo, normale, eccetera, eccetera, eccetera.
Un punto di vista affascinante.

» 2007-09-29 05:35
CDM APPROVA FINANZIARIA ALL’UNANIMITA’. PRODI, MANTENUTE PROMESSE

Prodi ha lasciato la sala stampa parlando dell’inizio “dell’economia di un paese tranquillo, normale, che non ha bisogno di operazioni di finanziaria straordinaria”. Congedandosi dai cronisti, controlla l’orologio e soddisfatto dice: “Tutto come previsto, anzi pensavo che il Consiglio dei ministri finisse alle quattro, invece abbiamo terminato un po’ prima”. Lasciano soddisfatti Palazzo Chigi anche Pierluigi Bersani, il quale a sostenuto che tutti i ministri potranno rivendicare i successi per il Paese, e Giulio Santagata, che ha tra l’altro sottolineato gli interventi decisi per la riduzione dei costi della politica, tagliando, ad esempio, del 10 per cento i rimborsi elettorali per i partiti.

correct.jpg

Si prega di restare seduti composti…

BOLOGNA – Non si risolvono i problemi del Paese con il «vaffa». Ne è convinto il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo. Il leader degli industriali, pur non citando la mobilitazione di Beppe Grillo, torna sul tema dell’antipolitica.
«Io – spiega – a risolvere i problemi dell’Italia con il “vaffanculo” non ci credo. Non sono fra quelli che pensano che tutti i mali del Paese sono nella politica». Bisogna fare attenzione, secondo Montezemolo, a «non entrare in un populismo e in una demagogia troppo facili».
«La cosa peggiore in questo momento – continua Montezemolo – è il cinismo dell’antipolitica e il disprezzo della politica. Abbiamo bisogno di una politica forte, che ricrei la passione nel paese e la fiducia, che dia obiettivi e sfide, che parli e spieghi come stanno le cose. Che punti sulla concorrenza, sul merito, sul dialogo e sulla crescita». Montezemolo è convinto che occorra «dare potere al primo ministro, scegliersi i ministri e mandare a casa qualche ministro che non va bene. Questa è meritocrazia: mettere al centro della Costituzione la concorrenza; abolire le province, quelle non necessarie, abolire i costi e gli sprechi». «L’antipolitica – chiosa Montezemolo – viene fuori quando la politica è debole, quando non decide».

trucco.jpg

» 2007-09-26 17:23
Intercettazioni: ok per Fassino
Organismo incompetente per D’Alema, era europarlamentare
(ANSA) – ROMA, 26 SET – La giunta per le autorizzazioni della Camera ha votato si’ all’utilizzo delle intercettazioni di Fassino e Cicu nel processo contro Consorte. L’orgasnismo si e’ invece dichiarato incompetente a decidere sulla richiesta del gip di Milano, Clementina Forleo, ad usare le intercettazioni di Massimo D’Alema. Il ministro degli Esteri, infatti, all’epoca dei fatti era europarlamentare. L’Italia dei Valori ha votato contro la decisione su D’Alema e la Cdl si e’ astenuta. La Lega non era presente.

329683936_2d7daee3b4_m.jpg
Una ragionevole quantità di innocenza, ad uso personale, non si nega a nessuno.

Crac Cirio: 35 rinvii a giudizio
Cragnotti, Fiorani e Geronzi e altri in aula dal 14 marzo

(ANSA) – ROMA, 25 SET – Il gip di Roma ha rinviato a giudizio 34 persone e la societa’ di revisione Deloitte & Touche per il crac Cirio. Tra loro figurano Cesare Geronzi, Sergio Cragnotti, Giampiero Fiorani. I reati per cui saranno processati, insieme con la societa’ di revisione, sono bancarotta per distrazione, documentale e preferenziale, nonche’ truffa. Il crac ammonta a 1.125 milioni attraverso l’emissione di nove bond dal 30 maggio 2000 al 31 maggio 2002.

Garlasco: Lauro, quadro probatorio
Concluso interrogatorio, Stasi ribadisce “sono innocente”

(ANSA)-VIGEVANO,24 SET-“Il quadro da indiziario e’ diventato probatorio”.Cosi’ Alfonso Lauro,il procuratore della Repubblica di Vigevano, sul fermo di Alberto Stasi. Il giovane e’ stato interrogato per circa 4 ore, e ha ribadito di essere ”innocente”. Da quanto si e’ saputo, Stasi ha fornito una sua versione, che avrebbe lasciato perplessi Procura e carabinieri ed e’ stata definita ”non plausibili” in relazione alla prova a suo carico, la presenza del dna in piccole macchie di sangue su una delle bici sequestrate.

Lo squalo è solo un pesce.

Mastella, trasferire pm Catanzaro
(ANSA) – ROMA, 21 SET – Il ministro della giustizia ha chiesto al Csm il trasferimento cautelare per il pm di Catanzaro De Magistris e del Procuratore capo Lombardi. L’iniziativa si riferisce alla inchiesta amministrativa avviata dagli ispettori di Mastella in Procura a Potenza e relativa all’inchiesta sulle ‘toghe lucane’, vale a dire il presunto comitato di affari che avrebbe agito in Basilicata e sul quale ha indagato De Magistris. Gli ispettori avrebbero rilevato ‘gravi anomalie’ nella gestione del fascicolo.

Pm Catanzaro: Mastella, io corretto
(ANSA) – ROMA, 23 SET – Il ministro Mastella respinge ogni accusa e afferma che la sua condotta ‘e’ stata sempre improntata alla massima correttezza’.Sulla vicenda del trasferimento dei magistrati di Catanzaro e’ sempre piu’ bufera. La portavoce del ministero precisa:l’azione disciplinare e’ stata ‘concordemente proposta’ dagli ispettori del ministero al Guardasigilli Clemente Mastella al termine dell’ispezione negli uffici giudiziari del capoluogo calabrese.Domani,sit-in di protesta davanti al Tribunale.

prodi2.jpg
» 2007-09-20 19:19
Rai: P. Chigi, respinta la spallata del centrodestra. “Mastella ha confermato lealta’ al governo”
(ANSA) – ROMA, 20 SET – Romano Prodi e’ soddisfatto per l’esito delle votazioni al Senato sulla Rai. E’ quanto sottolineano fonti di Palazzo Chigi aggiungendo che e’ stata respinta la cosiddetta ”spallata” del centrodestra. Intanto, nel tardo pomeriggio telefonata fra il premier e il ministro della Giustizia Clemente Mastella. Il Guardasigilli ha confermato – secondo quanto riferiscono fonti di Palazzo Chigi – lealta’ al governo e alla maggioranza.

mastella.jpg
ANSA 20/09/2007
SCONTRO SULLA RAI IN SENATO
Discussione sul cda dell’azienda. Il ministro Padoa-Schioppa: anche nel 2007 “previste perdite”. Ritirate 6 risoluzioni su 12. Mastella abbandona l’aula ma poi “conferma lealta’ a Prodi”.

Pagina successiva »